D’amore si muore

January 17, 2009 11:18 Tychondriax Add a comment
Life, Introspective

Una semplice scritta, una scritta quasi invisibile su un cartello vicino alla fermata dell’autobus.

Una citazione, un pensiero segreto… l’ultimo messaggio al mondo di un disperato… non so cosa sia, e non ho la presunzione di volerlo sapere…

… L’unica cosa che riesco a pensare è che costui, chiunque fosse, aveva dannatamente ragione…

Declino

December 10, 2008 10:53 Tychondriax 4 comments
Life, Introspective, Sigh

Una colonna, che si erge tra altre sue pari…

Una colonna che ha sempre resistito…

Una colonna che è stata battuta dalle intemperie e dal tempo…

Una colonna che tuttora resiste…

Una colonna che sta cominciando ad erodersi…

Una colonna che forse ha bisogno di un restauro…

Una colonna che ha bisogno di un altro supporto…

Una colonna che aspetta qualcuno che le ricordi perché continua a stare in piedi…

Una colonna che pian piano si deteriora…

cric… cric…

… cric…

Dedicato al mio R4006

October 13, 2008 13:56 Tychondriax Add a comment
Life, Introspective, Sigh, Techno-scabies

Un computer di un ragazzino…
… sarà limitato a una vita di solo messenger e giochi “più fighi” del momento, sarà sforzato fino all’estremo, e lui stesso si sforzerà di fare del suo meglio, ma alla fine qualcosa lo porterà improvvisamente in coma… un surriscaldamento del processore, o della scheda video; forse potrebbe essere ancora recuperabile, ma il ragazzino non lo sa, non lo sanno nemmeno i suoi genitori… e con uno sbuffo e uno sbotto il computer sarà rimpiazzato e dimenticato.

happy-mac.jpgUn computer di un impiegato…
… forse sarà quello che avrà la vita più lunga di tutti gli altri, anzi si può supporre durerà quasi in eterno: ma la sua sarà una vita grigia, senza alcuno svago, senza “emozioni”, vissuta tra un foglio di calcolo e una lettera ancora da stampare. Forse ogni tanto un virus preso accidentalmente, ma una visita dal tecnico-dottore lo riporterà subito in sesto per fargli proseguire la sua grigia esistenza.

Un computer di un designer…
… che bella vita inizialmente: è un pc figo, se la può tirare con gli altri suoi pari, il suo padrone lo terrà sempre perfettamente conservato e gli farà creare le cose più belle del mondo… Ma poi il tempo passa, il pc inizia a diventare brutto agli occhi del padrone, c’è un nuovo maledetto modello più figo di lui. E anche se funziona ancora perfettamente, si ritroverà ben presto o nel dimenticatoio o nelle mani di qualcun’altro che non lo apprezzerà mai quanto il suo vecchio padrone…

Ma il computer di un informatico…
… il computer di un informatico avrà la vita più travagliata di tutti gli altri: verrà sfruttato in ogni sua singola risorsa, verrà strapazzato, verrà potenziato se necessario; addirittura alle volte sarà lo stesso informatico a procurargli dolore per metterlo alla prova. E nonostante esso possa odiare il suo padrone, e il padrone odiare lui, presto tra i due si instaurerà un rapporto di perfetta collaborazione: il computer difficilmente abbandonerà il padrone nel momento del bisogno, e il padrone riuscirà quasi sempre a badare da solo a qualsiasi problema del pc, e a rimetterlo in sesto nel modo giusto.
Un rapporto d’amore e odio, che forse non porterà a far vivere il computer tanto a lungo quanto il suo collega “impiegato”, ma che sicuramente prima o poi porterà rispetto reciproco tra computer e utente… forse non affetto, ma sicuramente rispetto.
E nonostante tutti gli screzi e i grattacapi, il momento del congedo sarà un giorno malinconico per il padrone, anche se probabilmente non lo ammetterà mai.
E forse, sotto sotto, anche il computer proverà dispiacere, ma questo credo che non lo sapremo mai…

Dedicato a chi so io

September 10, 2008 23:18 Tychondriax Add a comment
Life, Introspective

Guarda, mi hai sempre fatto un po’ schifo, ma ora che sono certo della situazione, mi fai ancora più schifo.
Va’ dunque, segui pure la tua strada, giù nel baratro. Ma non trascinarci chi ti è sempre stato vicino. Loro non lo meritano.

Anche se in fondo, ma in fondo in fondo, spero che qualcosa cambi anche per te… ma non ci conto.

Cerca

August 3, 2008 12:29 Tychondriax Add a comment
Life, Introspective

dream.jpg

Hhhm…

Mi guardo attorno… che strano, c’è troppa penombra… Qualche torcia sparsa qua e là.

Mi giro verso chi mi chiama: dietro di lui un sacco di gente. Già, è vero, ci sono quasi tutti quelli di Olgiate. Li saluto, loro sorridono e rispondono. Bene.

“Ormai sono un paio di giorni che siamo qui, sarebbe anche il caso che riuscissimo a trovare qualcosa…” mi dicono.

Giorni? Qualcosa? Ah già, ecco dove siamo… le rovine di un castello, ci siamo addentrati alla ricerca di qualcosa, una qualsiasi cosa che ci potesse far diventare ricchi e far acquistare fama ovunque…
Il posto ci ha attirato subito, davvero particolare. E’ indubbio che si tratti di un castello medievale, ma ci sono dei particolari fuoriposto: segni di civiltà molto più antiche, addirittura dell’altra parte del pianeta, come anfratti di strutture e bassorilievi aztechi. Mah, vedremo.

Passa del tempo, alla ricerca di strane stanze o indizi vari. E’ un susseguirsi di ritrovamenti di strane serrature e della ricerca delle loro chiavi o della soluzione degli enigmi per aprirle. E si continua a proseguire nella struttura. L’unica cosa che troviamo sono monili o aggeggi di poco conto: ci dovrà pur essere qualcosa…

Arriviamo in fondo: di fronte a noi due porte, con la serratura identica, e abbiamo solo una chiave di quel tipo

Misc

banner_rettangolo_180x150.png

condannapapa200ek8.jpg

Ultimi Brani

lastfm

Calendar

  • October 2018
    SunMonTueWedThuFriSat
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031 

Contents

Admin area

Petizioni

Antigentiloni